NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

INFORMATIVA E GESTIONE DEI COOKIES

Cosa sono i cookies (e tecnologie similari)

I cookies sono piccoli files di testo che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale – computer, laptop, tablet, smartphone, etc. – dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti in occasione della successiva visita del medesimo utente.

Navigando su questo Sito Web, potrai ricevere sia cookie inviati direttamente dal nostro Sito Web e gestiti dagli amministratori del sito stesso, sia cookie inviati da siti o da webserver diversi, e gestiti da terzi (cookie di terze parti).

La legislazione italiana (art. 122 del D.Lgs. 196/03) ha introdotto nel nostro ordinamento una Direttiva Europea che impone ai gestori dei siti web che utilizzano cookie o altre tecnologie di monitoraggio di informare l’utente circa le tipologie di eventuali cookie utilizzati dal sito.
Il Provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali n. 229 del 8 maggio 2014, pubblicato sulla G.U. n. 126 del 3 giugno 2014, ha categorizzato i cookie in due macro-categorie: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.

Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione.

Cookie Tecnici

I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio del sito dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice). Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie, come specificato nel documento n. 2152939 del Garante della Privacy, non è richiesto il consenso preventivo e informato dell’utente (opt-in), mentre resta fermo l’obbligo di dare l’informativa ai sensi dell’art. 13 del Codice, e che vengano offerte agli utenti modalità semplici per opporsi (opt-out).

Cookie di Profilazione

I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13, comma 3” (art. 122, comma 1, del Codice).

Questo sito

Per quanto riguarda i cookies in uso in questo sito si informa l’utente che vengono usati esclusivamente cookies tecnici, tra cui alcuni cosiddetti “analytics” di Google Analytics con IP offuscati.
Essi hanno infatti esclusivamente scopi statistici e raccolgono informazioni in forma aggregata utili a migliorare l’esperienza di navigazione e l’usabilità all’interno del sito web.
I cookies di navigazione o sessione invece permettono all’utente una navigazione facilitata.
La policy di Google Analytics è disponibile all’indirizzo https://support.google.com/analytics/answer/6004245.
Se un visitatore volesse effettuare un opt-out delle informazioni relative alla loro navigazione ed inviate a Google Analytics, come specificato nel documento n. 2152939 del Garante della Privacy c’è la possibilità di installare un opt-out browser add-on disponibile per i browser più moderni all’indirizzo https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Puoi gestire le tue preferenze sui cookies anche tramite browser

Se non conosci il tipo e la versione di browser che stai utilizzando puoi cliccare su “Aiuto” nella finestra del browser in alto, da cui puoi accedere a tutte le informazioni necessarie. Se invece conosci il tuo browser clicca su quello che stai utilizzando per accedere alla pagina di gestione dei cookies.

Login

"Membri gladio come partigiani, siano equiparati a militari"

Fonte : ADN KRONOS

Gli appartenenti a Gladio, l'organizzazione clandestina nordatlantica 'Stay Behind nata all'indomani della seconda Guerra mondiale per contrastare eventuali piani di invasione militare, "sono senz'altro parificabili ai partigiani che hanno combattuto per la liberazione dell'Italia durante la Resistenza", perché "erano, indistintamente, animati dallo stesso spirito di combattere per la liberazione della Patria, principio che è alla base della nascita della nostra Repubblica". Per questo il loro servizio va equiparato a quello prestato nelle Forze armate.

Lo chiede un disegno di legge presentato al Senato dal capogruppo di Fratelli d'Italia Luca Ciriani, insieme ai colleghi di partito Daniela Santanchè, Antonio Iannone, Patrizio La Pietra e Massimo Ruspandini, rilanciando una proposta già avanzata negli anni scorsi. Un'equiparazione che richiama quella avvenuta per l'appunto a favore del Corpo volontari della libertà, con la legge 21 del marzo 1958.

Il testo prevede anche l'istituzione di un distintivo onorifico composto dall'emblema della Nato con la scritta Stay behind in giallo oro; dal gladio iberico con lama giallo oro, impugnatura avorio, guardia e pomo marrone; dal nastro tricolore verde, bianco e rosso con il motto scritto in nero 'silendo libertatem servo'.

Tale distintivo potrà essere indossato sia dal personale interno ed esterno, già appartenente alla struttura Stay Behind e congedato dalle Forze armate, con le stesse modalità del personale in servizio, se autorizzato a vestire l’uniforme militare; sia dal personale esterno sull’abito civile, in occasione di cerimonie militari e di manifestazioni dell’Associazione.

L'equiparazione del servizio prestato in Gladio sarà comunque a carattere morale e onorifico, visto che non avrà effetti ai fini retributivi, previdenziali e assistenziali. Ad essere interessati saranno 622 cittadini italiani compresi negli elenchi nominativi suddivisi per regione di appartenenza, indicati nella relazione sulla vicenda Gladio presentata alle Camere dal presidente del Consiglio Giulio Andreotti il 26 febbraio 1991.

Infine il disegno di legge prevede che l’Associazione italiana volontari Stay Behind , costituita il 4 febbraio 1994, sia riconosciuta quale associazione combattentistica e d’arma ed iscritta nel relativo elenco tenuto dal ministero della Difesa.

"In questa nuova atmosfera di tolleranza e di maturità civile, che coinvolge l’intera società italiana, è giusto non dimenticare -è scritto nella relazione che accompagna il disegno di legge- sia i coraggiosi e valorosi partigiani italiani della Resistenza sia tutti gli altri italiani che in epoca successiva non hanno esitato un istante ad arruolarsi nelle Forze armate italiane quando lo Stato maggiore della difesa, in previsione di una temuta invasione dell’Italia da parte di eserciti stranieri, ha chiesto la loro disponibilità ad adempiere al preciso obbligo morale sancito dall’articolo 52 della Costituzione", che stabilisce che "la difesa della Patria è sacro dovere del cittadino".

Gli appartenenti a Gladio hanno così deciso di aderire ad "una speciale unità delle Forze armate italiane che li avrebbe adeguatamente istruiti e preparati a svolgere un’attività clandestina di tutela e di difesa di interessi nazionali, un’attività partigiana che sarebbe dovuta entrare in funzione nella sola malaugurata evenienza di un’invasione militare".

Si tratta di cittadini che "hanno deciso di mettere a repentaglio la propria vita per nobili princìpi e hanno gratuitamente e volontariamente sacrificato il loro tempo libero. Per oltre trentacinque anni hanno svolto, in modo silenzioso e senza nulla chiedere, la delicata e rischiosissima funzione di fedeli custodi dei princìpi di libertà e di democrazia di tutti gli italiani".

Per questo "sul piano dei loro meriti, questi nostri concittadini sono senz’altro parificabili ai partigiani che hanno combattuto per la liberazione dell’Italia durante la Resistenza. Erano, indistintamente, animati dallo stesso spirito di combattere per la liberazione della Patria, principio che è alla base della nascita della nostra Repubblica".

Ciriani esprime quindi l'auspicio che il disegno di legge venga approvato "con il consenso più vasto possibile", per riconoscere i meriti di cittadini che "fedelmente, silenziosamente, volontariamente e gratuitamente" hanno adempiuto, "senza godere di alcuna gratificazione al di fuori di quella morale, al riservato ma ufficiale incarico di carattere militare di vegliare sulla conservazione dei diritti di libertà, di pluralismo democratico di tutti gli italiani".

Il generale Paolo Inzerilli, che per dodici anni guidò la struttura Gladio, saluta con favore il disegno di legge presentato al Senato da Fratelli d'Italia. E si dichiara "pronto ad appoggiare l'iniziativa nel modo più completo possibile. Francamente -dice all'Adnkronos- non capisco perché fino ad oggi non sia stato riconosciuto il servizio prestato alla Nazione da questi cittadini, in modo gratuito e volontario, animati esclusivamente dall'amor di Patria e perché tutte le varie proposte di legge presentate, la prima delle quali ad opera di Cossiga, siano state fatte decadere dai vari governi che si sono succeduti". Inzerilli ricorda che questa attività di difesa inizialmente "si sviluppò al confine italo-jugoslavo alla fine della Seconda Guerra mondiale, per contrastare la possibile intenzione della Jugoslavia di spostare i suoi confini al di là dell'Isonzo e mangiarsi parte del Friuli Venezia Giulia". "Poi -aggiunge- è nata l'organizzazione che doveva contrastare eventuali invasioni da parte delle forze del Patto di Varsavia negli anni Cinquanta, Sessanta e Settanta e sottolineo Settanta. Infatti, come comandante del Battaglione Alpini a Tarvisio, al confine tra Italia, Austria e Jugoslavia, nell'estate del '74 ebbi modo di verificare che gli jugoslavi, a 100 metri dai nostri confini, stavano scavando le trincee". "Per dodici anni -conclude Inzerilli- guidando questa organizzazione ho potuto verificare il seguito enorme e la dedizione con cui queste persone hanno servito la Patria e garantito la sicurezza del Paese in tutte le situazioni e francamente non capisco perché ancora tutto questo non sia stato adeguatamente riconosciuto".