Stampa
513

iGladio - GLADIO - La Verita' Negata

15

2. GLADIO - I PROTAGONISTI (LA CENTRALE)

Per prassi, quando si arriva in una nuova sede, si viene immediatamente investiti da due attività: il briefing di indottrinamento da parte del cedente e la presentazione dei collaboratori e dipendenti, completata dai giudizi del predecessore, espressi fuori dai denti, ma in camera caritatis. Il primo impatto mi lascia piuttosto interdetto. Il Vice è un Ten.Col. che dirige la Segreteria e si occupa quindi degli aspetti burocratici ed amministrativi. è talmente scrupoloso che riporta giornalmente sul brogliaccio della contabilità l'importo di ogni singolo francobollo utilizzato per la corrispondenza.

 

Responsabile dell'addestramento e della pianificazione operativa, è un civile, Sottotenente di complemento dell'Aeronautica durante la guerra. è il «vecchio», il factotum che detta legge. Un Tenente del Genio, fa il disegnatore.

Un Capitano dei Carabinieri tiene aggiornate le schede personali, uno di artiglieria da montagna, appena arrivato, mantiene i contatti con gli omologhi degli altri Servizi della NATO e uno delle Trasmissioni, che ha ricevuto a suo tempo le consegne da un Sottufficiale, è il responsabile dei collegamenti. L'addetto alle attività aeree, gestore del famoso DC 3 Argo 16 (bis) è un Capitano dell'Aeronautica proveniente dai Sottufficiali, che passa la maggior parte del suo tempo appeso ad un paracadute, sua passione viscerale. C'è poi il gruppo degli istruttori o responsabili di area.

Un Colonnello in pensione con un occhio di vetro (quello buono è rimasto in Russia) responsabile dell'area del Friuli Venezia-Giulia, un Colonnello «di cartone» (promosso a fine carriera) capo degli istruttori, coadiuvato da un Capitano dei paracadutisti e da un Ufficiale medico, della Marina, che di tutto si interessa fuorché di medicina.

I Sottufficiali (una quindicina in tutto) sembrano più o meno normali ma sono raggruppati in tre distinti gruppi: il primo rimbecca e «cazzia» violentemente i Superiori, il secondo li guarda con sufficienza e ogni tanto gli