iGladio - GLADIO - La Verita' Negata

126

COMMENTO

L'istituzione promovente è stata all'epoca il SIFAR (2° Reparto di SMD) con l'autorizzazione scritta e quindi formale del CSMD prò tempore. Le citate reti non erano clandestine all'interno della istituzione ma semplicemente compartimentate e protette anche all'interno del Servizio e più che note alle SS.AA. dalle quali il Servizio dipendeva.

Il Patto di Varsavia è iniziato a crollare nell'ottobre del 1990 e comunque è stato sciolto solo il 1.4.91. La Germania si è unificata in data 3.10.90.

Tutti questi avvenimenti sono successivi allo scioglimento della Gladio che comunque era già stata «congelata» in data 2.8.90.

Il passaggio di poteri nazionali a poteri comunitari non ha mai toccato gli aspetti relativi alla Difesa che in tutti i Paesi è rimasta una competenza strettamente nazionale.

Nessuna delle citazioni ha quindi un benché minimo riflesso sull'organizzazione Gladio e sui tempi di scioglimento.

La Gladio nei suoi quarantanni di vita non risulta essere mai stata mobilitata. Solo le strutture del Servizio che sovrintendevano alla Gladio sono state mobilitate in occasione di eventi particolari quali il rapimento Moro ed il caso Dozier. In queste due occasioni al personale esterno (i cosiddetti gladiatori) è stato solo chiesto di tenere gli occhi aperti per segnalare eventuali fatti o comportamenti abnormi.

Quanto riportato nella nota 5 è evidentemente falsato e strumentale. È vero che nel documento citato (Gladio 4/9 — 5 giugno '59) si parla degli «organizzatori di zona» dai quali dipendono gli «organizzatori funzionali», quali elementi di spicco, di elevata posizione sociale ecc. ecc, ma il relatore ha omesso di citare che la pagina dello stesso documento intitolata «Emergenza» inizia con la frase: «il momento della emergenza è caratterizzato dalla evacuazione degli organizzatori».

Non vi è quindi nessun contrasto con quanto affermato dall'Ammiraglio Martini nella sua audizione del 15.11.90 circa il basso profilo del personale da reclutare per la rete clandestina. A ciò si aggiunga il fatto, noto sulla base del carteggio a disposizione della