iGladio - GLADIO - La Verita' Negata

166

  • Tale determinazione è probabilmente dovuta all'intenzione di impiegare
    una struttura i cui scopi iniziali avevano perso importanza e che continuava
    ad assorbire risorse.
  • Determinazione valutata non legittima per non avere informato preventi­
    vamente autorità politiche delle varianti agli scopi e finalità organizzazione.
  • Non deve sottacersi che l'iniziativa era in linea con tendenza a incremen­
    tare il contributo informativo a favore di A.C. e lotta alla CO. poi sancita
    da legge..
  • La VII Divisione negli anni 80 ha avuto notevoli incrementi ed è rimasta
    efficiente fino all'ultimo. Conserva comunque il compito dell'addestramento
    del personale del Servizio e dei Collegati, estraneo alla Gladio.
  • OSSI da impiegare per Gladio solo in guerra, in pace svolgeranno compiti
    del Servizio estranei alla Gladio.
  • Numero 622 non ha trovato alcuna smentita allo stato degli atti. La sua
    non corrispondenza con alcune risultanze documentali è dovuta a non chiara
    distinzione tra effettivi ed organici programmati.
  • Non sono emerse smentite che i 622 sono tutte persone pulite. È risultato
    effettivamente che nomi discussi o erano omonimi (1 caso) o erano stati
    presi in considerazione ma mai reclutati.
  • Si evince l'esistenza di una regola generale di informare — sia pure in sin­
    tesi — le autorità politiche competenti.
  • Significative e non spiegabili eccezioni:
    PCM Fanfani e Colombo,

Min. Dif. Tanassi e Gaspari

Min. Dif. Lattanzio e Ruffini (che però da atti del SISMI avrebbero ricevuto regolari briefing nel 76 e 77).