NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

INFORMATIVA E GESTIONE DEI COOKIES

Cosa sono i cookies (e tecnologie similari)

I cookies sono piccoli files di testo che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale – computer, laptop, tablet, smartphone, etc. – dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti in occasione della successiva visita del medesimo utente.

Navigando su questo Sito Web, potrai ricevere sia cookie inviati direttamente dal nostro Sito Web e gestiti dagli amministratori del sito stesso, sia cookie inviati da siti o da webserver diversi, e gestiti da terzi (cookie di terze parti).

La legislazione italiana (art. 122 del D.Lgs. 196/03) ha introdotto nel nostro ordinamento una Direttiva Europea che impone ai gestori dei siti web che utilizzano cookie o altre tecnologie di monitoraggio di informare l’utente circa le tipologie di eventuali cookie utilizzati dal sito.
Il Provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali n. 229 del 8 maggio 2014, pubblicato sulla G.U. n. 126 del 3 giugno 2014, ha categorizzato i cookie in due macro-categorie: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.

Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione.

Cookie Tecnici

I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio del sito dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice). Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie, come specificato nel documento n. 2152939 del Garante della Privacy, non è richiesto il consenso preventivo e informato dell’utente (opt-in), mentre resta fermo l’obbligo di dare l’informativa ai sensi dell’art. 13 del Codice, e che vengano offerte agli utenti modalità semplici per opporsi (opt-out).

Cookie di Profilazione

I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13, comma 3” (art. 122, comma 1, del Codice).

Questo sito

Per quanto riguarda i cookies in uso in questo sito si informa l’utente che vengono usati esclusivamente cookies tecnici, tra cui alcuni cosiddetti “analytics” di Google Analytics con IP offuscati.
Essi hanno infatti esclusivamente scopi statistici e raccolgono informazioni in forma aggregata utili a migliorare l’esperienza di navigazione e l’usabilità all’interno del sito web.
I cookies di navigazione o sessione invece permettono all’utente una navigazione facilitata.
La policy di Google Analytics è disponibile all’indirizzo https://support.google.com/analytics/answer/6004245.
Se un visitatore volesse effettuare un opt-out delle informazioni relative alla loro navigazione ed inviate a Google Analytics, come specificato nel documento n. 2152939 del Garante della Privacy c’è la possibilità di installare un opt-out browser add-on disponibile per i browser più moderni all’indirizzo https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Puoi gestire le tue preferenze sui cookies anche tramite browser

Se non conosci il tipo e la versione di browser che stai utilizzando puoi cliccare su “Aiuto” nella finestra del browser in alto, da cui puoi accedere a tutte le informazioni necessarie. Se invece conosci il tuo browser clicca su quello che stai utilizzando per accedere alla pagina di gestione dei cookies.

iGladio - GLADIO - La Verita' Negata

56

mune accezione «sovvertimento interno» equivale a «terrorismo» una delle forme più esasperate di lotta politica. Sempre nella comune accezione il termine «insurrezione» indica la fase finale di una piuttosto accesa lotta politica per abbattere con la forza, il potere in carica (e quindi, almeno formalmente, legale). Da sottolineare che questi documenti oltre ai compiti citati riportavano anche lo scopo dell'eventuale intervento della Gladio e cioè la liberazione del territorio «per ristabilirvi i poteri legali e le istituzioni legittime». In questo gruppo di documenti può essere inserita anche la nota esercitazione «Delfino» del '66 nella quale tra gli argomenti trattati (a tavolino essendo una esercitazione Quadri) si esaminavano le possibili reazioni di «controinsorgenza» ad attività di «insorgenza».

Questo termine di origine anglosassone, ha anch'essa un significato abbastanza preciso nella lingua italiana. Con questo vocabolo si sintetizzano tutte le attività che una parte conduce contro il governo in carica a premessa della soluzione finale che è, e resta comunque, l'insurrezione. Per il codice penale l'insurrezione (armata) è un delitto che deve essere punito dalla magistratura prescindendo da quale sia la corrente politica alla quale appartiene il Giudice (o no?!). Liberare la o le parti del territorio eventualmente occupato dagli insorti era un dovere/diritto dello Stato (o no?!). A meno Costituzione e Codici non prevedano espressamente insurrezioni lecite ed insurrezioni illecite. Ma neanche chi ha versato il cervello all'ammasso mai avuto il coraggio di fare affermazioni del genere.

A questi «buoni» propositi, che peraltro non riappaiono più nella documentazione successiva, non fanno riscontro particolari predisposizioni operative, né specifiche modifiche ai programmi addestrativi o modifiche ordinative e organizzative. In altri termini, anche se qualcuno nel passato aveva preventivato di far coincidere la politica, o meglio una specifica politica, con la difesa della Patria, quest'ultima ha avuto la prevalenza. Nessuno ha predisposto, realizzato o concretizzato qualcosa che potesse dare corpo a queste idee, rimaste esclusivamente sulla carta. Per lo meno questo è quanto risulta dagli atti, dai fatti, dalla memoria di chi ha vissuto quegli anni all'interno dell'organizzazione. Il difficile, purtroppo, è dimostrare la verità quando la contrapposizione è tra fatti non avvenuti ed illazioni, quasi sempre strumentali. Il secondo gruppo di documenti, cronologicamente primo, si riferisce ai rapporti bilaterali tra SIFAR e CIA nella seconda metà degli anni '50. In alcuni di questi documenti (dicembre '58) si parla espressamente di «controllo e neutralizzazione delle attività comuniste». Qui l'intromissione della politica in attività concernenti la difesa del Paese è, purtroppo, incontrovertibile. Ma dalle stesse relazioni delle Commissioni Parlamentari di inchiesta sulla Gladio, non sempre proprio molto obiettive a detta di alcuni degli stessi loro membri), risulta inequivocabilmente che per