iGladio - GLADIO - La Verita' Negata

71

entusiasti, credendoci o meno, hanno svolto il compito loro affidatogli al meglio (possibile). Ma proviamo a dare un'occhiata a queste pazze spese per mantenere in vita l'Esercito di secondo tempo. Negli anni '50-'60 una gran parte delle spese sono state sostenute dagli americani, la famigerata CIA. Grosso modo il contributo complessivo ricevuto dal SIFAR e dal SID ammonta a circa 1 miliardo e 300 milioni di lire.

è vero che la capacità di acquisto degli anni '60 non è quella degli anni '90 ma è anche vero che anche il cambio dollaro-lira non è lo stesso. Non sono un esperto in economia per poter fare dei raffronti e dei calcoli esatti ma un termine di raffronto abbastanza preciso esiste. Quando sono arrivato al Servizio, nel '74, ero Tenente Colonnello con uno stipendio, indennità comprese, di circa 430.000 lire al mese. L'affitto di un appartamento al quartiere Aurelio di tre locali più servizi era di 150.000 lire al mese.

Oggi lo stipendio di un Tenente Colonnello con due anni di anzianità (come ero io) è di 3.200.000, e l'affitto di un appartamento analogo a quello che io avevo è di 1.500.000 mensili (se dimostri di non essere residente altrimenti non lo trovi) In altri termini il rapporto è di 1 a 10 ma è valido nei due sensi, introiti e costi, vale a dire il rapporto reale è zero. I mille dollari di allora valgono 1000 dollari di oggi, poco più, poco meno. Prescindendo dalle ovvie contestazioni e precisazioni degli addetti ai lavori, procedendo a grandi sciabolate, credo si possa accettare il dato che in venti anni ('56-'76) il Servizio USA ha passato al Servizio Italiano circa 65 milioni di lire all'anno. Su questo dato si è aperto un dibattito politico ed un'inchiesta parlamentare, quanto meno è stato uno degli argomenti dell'inchiesta, anche se poi, per amor di onestà, è stato lasciato decadere.

Mentre scrivo queste righe sono in corso accertamenti giudiziari per una questione di 150 miliardi di tangenti pagati da ditte, società, industrie a politici e responsabili della Pubblica Amministrazione (sempre Politici), al Nord, oltre a situazioni analoghe non ancora quantificate al Sud e in Sicilia. Non sono in corso inchieste parlamentari né dibattiti politici (forse perché sono coinvolti personaggi di tutti i partiti o quasi?).

Contemporaneamente sono in corso una serie di rivelazioni (vere, false, strumentali?) che un partito politico nazionale ha avuto sovvenzioni da un organismo statale di uno Stato estero. Né per il primo, né per il secondo dei casi sono state aperte inchieste parlamentari né vi sono stati dibattiti alle Camere. Le sole reazioni politiche sono state la sospensione e solo in casi eccezionali e limitati, l'allontanamento dal partito dei personaggi sotto inchiesta. Quale è la conclusione che può trarre un cittadino italiano di media levatura intellettuale?

Se lo Stato Italiano riceve da uno «stato estero ed alleato» una sovvenzione, contributo, cifra ecc... in danaro per una operazione di interesse co-