NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

INFORMATIVA E GESTIONE DEI COOKIES

Cosa sono i cookies (e tecnologie similari)

I cookies sono piccoli files di testo che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale – computer, laptop, tablet, smartphone, etc. – dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti in occasione della successiva visita del medesimo utente.

Navigando su questo Sito Web, potrai ricevere sia cookie inviati direttamente dal nostro Sito Web e gestiti dagli amministratori del sito stesso,  sia cookie inviati da siti o da webserver diversi, e gestiti da terzi (cookie di terze parti).

La legislazione italiana (art. 122 del D.Lgs. 196/03) ha introdotto nel nostro ordinamento una Direttiva Europea che impone ai gestori dei siti web che utilizzano cookie o altre tecnologie di monitoraggio di informare l’utente circa le tipologie di eventuali cookie utilizzati dal sito.
Il Provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali n. 229 del 8 maggio 2014, pubblicato sulla G.U. n. 126 del 3 giugno 2014, ha categorizzato i cookie in due macro-categorie: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.

Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione.

Cookie Tecnici

I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio del sito dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice). Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie, come specificato nel documento n. 2152939 del Garante della Privacy, non è richiesto il consenso preventivo e informato dell’utente (opt-in), mentre resta fermo l’obbligo di dare l’informativa ai sensi dell’art. 13 del Codice, e che vengano offerte agli utenti modalità semplici per opporsi (opt-out).

Cookie di Profilazione

I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13, comma 3” (art. 122, comma 1, del Codice).

Questo sito

Per quanto riguarda i cookies in uso in questo sito si informa l’utente che vengono usati esclusivamente cookies tecnici, tra cui alcuni cosiddetti “analytics” di Google Analytics con IP offuscati.
Essi hanno infatti esclusivamente scopi statistici e raccolgono informazioni in forma aggregata utili a migliorare l’esperienza di navigazione e l’usabilità all’interno del sito web.
I cookies di navigazione o sessione invece permettono all’utente una navigazione facilitata.
La policy di Google Analytics è disponibile all’indirizzo https://support.google.com/analytics/answer/6004245.
Se un visitatore volesse effettuare un opt-out delle informazioni relative alla loro navigazione ed inviate a Google Analytics, come specificato nel documento n. 2152939 del Garante della Privacy c’è la possibilità di installare un opt-out browser add-on disponibile per i browser più moderni all’indirizzo https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Puoi gestire le tue preferenze sui cookies anche tramite browser

Se non conosci il tipo e la versione di browser che stai utilizzando puoi cliccare su “Aiuto” nella finestra del browser in alto, da cui puoi accedere a tutte le informazioni necessarie. Se invece conosci il tuo browser clicca su quello che stai utilizzando per accedere alla pagina di gestione dei cookies.

Governo: Salvini sotto attacco, ma il popolo è con lui

Salvini demonizzato e attaccatto, ma lui conquista l'Italia: ecco come

Governo: Salvini sotto attacco, ma il popolo è con lui

(foto LaPresse)

E’ guerra allo Stato! Qui non si tratta più di sane e democratiche divergenze, questa è, a tutti gli effetti, una serie di attacchi mirati e violentissimi nei confronti di un Ministro della Repubblica Italiana. Occhio signori, la questione comincia a diventare piuttosto seria. “Malavitoso, devi morire, razzista, nazista, assassino”… e chi più ne ha più ne metta. E poi, fuori confine, arriva il “lebbroso, populista, pericoloso, antieuropeista ecc. ecc..”.

Siamo allo sdegno più totale! Un vilipendio senza precedenti. Dal rapper allo scrittore, dall’opinionista al parlamentare, dal Capo di Stato estero (cosa ben peggiore) al Commissario UE. Una pazzesca rabbia ad personam veicolata tramite social, media e piazze (sempre più vuote) che rischia di esplodere in un dissenso sociale inverso, ovvero nei confronti degli stessi “aguzzini” che, a quanto pare, si sentono i paladini della giustizia.       

Nel mirino c’è lui, il milanese doc, classe ’73, figlio di un dirigente d’azienda (quando ancora le aziende esistevano) e di un’affabile casalinga, nonché  padre di due creature che spesso ama citare nei suoi interventi. Dal “classico” Manzoni a “Scienze politiche”, dal Leoncavallo alla segreteria del partito nel 2013, fino alla scomoda poltrona del Viminale. Una scalata entusiasmante.        

Via la giacca, via la cravatta, calzini colorati anche al Quirinale, via la forma e dentro la sostanza. Da semplice militante a Ministro in pectore, per lui lo stile non cambia. Un nuovo modo di fare politica che premia e conquista. Non è la Terza Repubblica ma il terzo millennio. In poco tempo diventa il “Re Mida” della nuova comunicazione rivolta a qualsiasi ceto sociale e a tutte le generazioni. Ascolta l’anziano, abbraccia il ragazzino, preferisce la sua gente alla “corte” dei vecchi “palazzacci” del potere, si presta, si butta, si mette in gioco, si tuffa in una folla sempre più numerosa ed eccitata. Non è, come sostengono tanti detrattori, campagna elettorale, ma il piacere innato di respirare il suo popolo, di toccare la sua gente, di vivere il suo Paese.    

Al “signoraggio” non piace, ai bacchettoni (tutti galloni e poca umiltà) - ormai in agonia - non piace, alla “naftalina” della vecchia guardia non piace, ai cosiddetti nuovi intellettuali non piace, alle ultime mummie incallite non piace, e ai cialtroni del nulla non piace affatto! Questa non è più politica di una volta; stantia, antica, falsa, bigotta, ruffiana e burocratizzata fino all’estremo. Queste non sono le solite ed inutili chiacchiere nell’attesa che quel politichese diventi fatto concreto.  Nel frattempo l’emorragia incalza e il cittadino muore di fame, disperazione, lavoro e criminalità. Il tempo è scaduto, la situazione è drammatica, qui ci vuole: AZIONE, FARE, CAMBIARE!         

Ha orecchie per tutti: industriali, commercianti, artigiani, professionisti, docenti, contadini, operai, pescatori, giovani e vecchi. A differenza della solita classe dirigente lui preferisce star fuori dai salotti “buoni” e affrescati di Roma Capitale, perché per capire la norma occorre sempre e necessariamente conoscere l’eccezione. La Francia lo attacca, ma egli resiste, l’Europa si indigna ma egli alza il tiro, gli olandesi lo sfidano ma egli ribatte con immensa autorevolezza, la grande Germania lo adula ma egli ha capito il finissimo intento e non si incanta! L’Italia sta tornando ad essere ITALIA. Il Mondo se ne sta accorgendo, giorno dopo giorno, perché è lapalissiano che senza di NOI la Comunità del vecchio continente va in frantumi. Non esiste Europa senza Bel paese. Il Ministro si è accorto, sa come utilizzare le sue carte e il tavolo verde comincia a tremare.                

Tuttavia la cecità degli accusatori di professione (che si tramuta in invidia e odio) è, oggi più che mai, evidente e sotto gli occhi di tutti. Perché come disse un tale: “Coloro che furono visti danzare vennero giudicati pazzi da quelli che non potevano sentire la musica”.

E la cosa più “godereccia” per i suoi “fans”, ma che più manda in bestia i provocatori seriali sapete quale è? Che lui, in “camiciola” e jeans, navigando in largo e lungo per i borghi dello Stivale non solo non si cura di loro e guarda e passa ma non cede alla tentazione di cadere allo stesso livello.Un “mostro” di arguzia che ha puntato il suo obiettivo sin dall’inizio e che non intende, per nessuna ragione, mollarlo. Mai come ora il senso di sovranità nazionale è entrato di diritto nei cuori pulsanti degli italiani, sempre più orgogliosi di avere un esponente governativo così “cazzuto”.  E, a coloro che, minuto dopo minuto, lo demonizzano con assurda ferocia è auspicabile consigliare che: più “sparate” menzogne e avversità contro di lui e più in milioni saranno pronti a salire sul banco e proteggerlo al grido: O CAPITANO! MIO CAPITANO!

 

fonte : >> LINK ESTERNO <<